Helsinki 2015

Breve resoconto del mio altrettanto breve soggiorno a Helsinki.

Febbraio non è certo il miglior periodo dell'anno per visitare Helsinki. Il freddo non aiuta ma nella sfortuna sono stato due volte fortunato. Innanzi tutto perché ho potuto vedere la città in uno dei suoi aspetti più tipici, ossia ricoperta da una coltre di neve. In secondo luogo perché per essere la stagione fredda il clima è stato misericordioso: solitamente in questo periodo dell'anno la temperatura varia da -10 a -20 °C, ma durante la mia permanenza non penso sia nemmeno arrivata a -10 °C.

L'occasione è stato un viaggio di lavoro quindi il tempo per fare il turista è stato limitato ma Helsinki non è una grande città e ho potuto girarmela un po'.
Ha lo stile della tipica città del nord Europa, non troppo dissimile da Copenaghen ma molto più compatta e raccolta.
E bianca.
La neve è più bianca che da noi. Anche quella ammassata agli angoli delle strade sembra più candida. Non si sporca subito in quella poltiglia marrone scuro a cui siamo abituati.
Probabilmente passano nottetempo a ripulirla.
Oppure semplicemente non si sporca.
Sono certo che ci sia una correlazione tra le basse temperature e la mancanza di sporco. Devo verificare gli studi a riguardo.

La prima sera mi sono dedicato alla consueta pratica di girare a caso fino a perdermi, operazione che oggigiorno è sempre più difficile quando si va in giro con google maps e il GPS in tasca.
Ma con un po' di sforzo ce l'ho fatta.


Basta seguire un misterioso raggio blu comparso dal nulla...



... per arrivare alla cattedrale Uspenski

Ho potuto vedere una cosa che non mi era mai capitato di vedere


Il mare ghiacciato

Questo mi ha fatto capire quanto la Finlandia sia davvero un paese freddo.


Molto freddo

E pensate che c'è gente che in quell'acqua ghiacciata ci fa persino il bagno.


Per la precisone qua dentro. Non ho fotografato i bagnanti per discrezione ma fidatevi, c'erano

La Cattedrale Tuomiokirkko è il simbolo della città e le sue pareti bianche, riflettono il colore della neve che la ricopre.


La Cattedrale

Anche l'interno, come vuole la tradzione luterana, è bianco e spoglio senza i quadri o gli affreschi a cui siamo abituati.


L'organo della chiesa si può considerare l'unico ornamento presente

Nel centro della città sorge la celebre statua dei... hummm... dei tre fabbri nudi che martellano un'incudine.


Nota anche come la statua delle tre monete da 50 lire

Le strade di Helsinki sono lastricate di ghiaccio come quelle per l'inferno lo sono di buone intenzioni e non so come ho fatto a non ritrovarmi col sedere per terra ogni tre passi. Avrei voluto avere la pratica delle numerose persone che ho visto fare jogging su questi marciapiedi ghiacciati.
Ma la corsa non è l'unico sport che ho visto praticare.


Lo vedete quel puntino in mezzo al ghiaccio?



E' una persona che sta pescando.

Degna di nota anche la serra che ti trasporta in un altro clima e in un altro mondo.


Questa non è la tipica flora di Helsinki



Questa è la tipica flora di Helsinki

Una cosa che non ho visto, a parte un timido tentativo, è stata la presenza di street art. Cerco di prestarvi attenzione quando sono in giro a bighellonare, ma a Helsinki non ho notato nessun bel graffito o murales in giro per la città. Magari non ho girato i quartieri giusti.


Però mi sono consolato con un tramonto spettacolare

Come al solito la galleria completa con tutte le foto è qua.